PianetaDonna

Tecno blog: web, computer e cellulari
23 Giu

Opera Unite: la nuova rivoluzione

Astre» Martedì 23 Giugno 2009

Speciale di Antonio Portera

opera-unite.jpg

Parlare del browser Opera è un’po come parlare della “storia” del web. Opera è da sempre stato un precursore nello sviluppo dell’omonimo browser web. Opera ha fatto strada a tutti i programmi di navigazione che conosciamo e molte delle tecnologie che noi oggi siamo abituati ad utilizzare discendono proprio da qualche versione di Opera.
Basta pensare alla “navigazione a schede“, ripresa oggi dala totalità dei browser, agli speed link ripresi da Google Chrome e non solo, con i quali ci possiamo raggiungere con un click le pagine più visitate che ci compaiono come miniature all’avvio del browser. Opera da tempo integra al suo interno strumenti quali, lettori di feed RSS, client di posta elettronica, che su qualsiasi altro browser non sono presenti.Opera naturalmente ha da sempre fatto scuola per ciò che riguarda la velocità di navigazione e la leggerezza del programma, costituendo una vera chimera per i concorrenti.
Questa naturalmente è solo breve e striminzita rassegna delle funzionalità di Opera, elencarle tutte sarebbe quasi impossibile.
Purtroppo, come accade quando il mercato non è lasciato libero di autoregolarsi, un simile prodotto è relegato agli ultimi posti per la percentuale di utilizzatori; pochi lo conoscono, ancor meno lo usano. Probabilmente parte del “merito” va al fatto che per molti anni ed ancora oggi in buona sostanza, il programma di navigazione per internet è parte integrante del sistema operativo, ragion per cui è difficile per un nuovo prodotto guadagnare “fette di mercato”, ed attrarre su di se l’attenzione degli sviluppatori.

 

Opera non stanca di precorrere i tempi però lancia con la sua ultima versione del browser, la decima, la tecnologia “Opera Unite”, attraverso cui ogni computer sul quale è ospitato il browser norvegese, diventa un vero e proprio  web server.
A seguito di una registrazione infatti, Opera Unite assegna un URL e proprio cliccando tale URL i nostri amici possono accedere ai servizi installati sul nostro computer.

Si tratta di una trovata geniale, attraverso il browser, ogni computer diventa un web server capace di ospitare qualsiasi contenuto, diventa pertanto molto più semplice lo scambio e la condivisione di dati
I servizi che possono essere installati sono i seguenti:

File Sharing: Permette la condivisione di files dal computer senza effettuare alcun upload.

The Fridge (letteralmente “Il Frigorifero”): Dal punto di vista visuale è un vero e proprio frigorifero dove sia noi che i nostri amici possiamo lasciare post-it adesivi e vari messaggi;

The Lounge: Una chat diretta senza alcun server esterno.

Si potrà poi condividere foto da pc a pc, ascoltare musica da qualsiasi computer, ecc.ecc.

Questa è solo una prima “batteria” di servizi ospitabili, dice infatti Jon von Tetzchner, CEO Opera: «La tecnologia si muove in cicli distinti. I pc hanno decentralizzato il computing dai grandi mainframe. Opera Unite ora decentralizza e rende democratica la “cloud”. Donando capacità server al browser, gli sviluppatori possono ora creare applicazioni con gran facilità. I consumatori avranno la possibilità di scegliere private ed efficienti modalità per la condivisione di informazioni. Noi crediamo che Opera Unite sia una delle più significative innovazioni, perchè cambia per sempre il tessuto fondamentale del Web». (fonte:Webnews)

 

 


Articoli Simili

Lascia un commento

CAPTCHA image



DesMM Design